Principi Accademia

L’Accademia dell’Auto Mutuo Aiuto è un progetto di promozione dell’AMA che si articola in percorsi di formazione, autoformazione e aggiornamento per  facilitatori   dell’AMA, e raccoglie in appositi Registri e Albi i nominativi di coloro che aderiscono alle sue metodologie. E’ istituita nel 2018 da FED (Facilitatori Esperti Docenti) di due associazioni aderenti al Network CAMAP – Centro Auto Mutuo Aiuto Partecipato  (AMAtorino, Eleusi), i quali, dopo aver dedicato tanti anni alla ricerca, allo studio, al confronto e alla pratica si mettono a disposizione per formare,  informare e diffondere la metodologia A.M.A.

L’AMA secondo l’Accademia, si differenzia dal self help (auto aiuto), dove l’aiuto è destinato al singolo e non compare la mutualità. Secondo l’Accademia si persegue in molti modi: il gruppo classico  rimane un caposaldo di applicazione dell’AMA, ma la formazione e l’azione dei facilitatori e degli operatori AMA promuove e diffonde la filosofia e la metodologia AMA in molti contesti come stile di vita relazionale.

Con questi presupposti, non sempre condivisi nel mondo dell’AMA, è importante l’istituzione di un ente come l’Accademia che garantisca queste particolari modalità di esercizio dell’AMA. Nei suoi percorsi formativi i docenti sono facilitatori esperti (FED), appositamente formati nell’arte di in-segnare, cioè di trasmettere le proprie esperienze/competenze e di sollecitare – in modalità AMA  – l’emergere delle risorse dei partecipanti.

PRINCIPI ISPIRATORI E SCOPI

  • L’Accademia AMA basa le sue azioni sui principi dell’Auto Mutuo Aiuto, inteso come filosofia di vita e dei rapporti, e come metodologia applicabile di conseguenza a qualsiasi situazione.
    Promuove quindi la diffusione e l’applicazione di tali principi tramite i percorsi formativi per facilitatori AMA, per Facilitatori Esperti Docenti (FED) e per Facilitatori Esperti Supervisori (FES), nonché nelle sedi di incontro e scambio.
  • L’Accademia si pone al servizio della diffusione e dell’applicazione della filosofia/metodologia AMA, ricercando strumenti sempre migliori per svolgerla, nell’ambito del suo campo di azione
  • L’Accademia si basa sugli scambi autentici di conoscenze e di esperienze vissute attivamente, valorizzando ogni risorsa coinvolta nei suoi percorsi
  • l’Accademia ricerca ogni possibile integrazione tra posizioni e operatività che possano apparire in conflitto, ricercando lo spazio comune che contenga tutto, ed evitando quella mediazione che penalizza ogni parte. Si applica il “ principio del minimo comune multiplo= il più piccolo numero divisibile per tutti i fattori considerati”, che cioè li contiene tutti. Su questo principio è basato il metodo del consenso, che fa decadere – tramite il confronto tra le parti – i fattori rinunciabili, cercando la soluzione che contenga tutti i fattori irrinunciabili

I principi dell’Auto Mutuo Aiuto che l’Accademia applica nel suo campo d’azione, sono riconducibili a:

  • Adesione libera e volontaria
  • Accoglienza
  • Scambio di esperienze autentiche di vita
  • Valorizzazione delle diversità e differenze
  • Solidarietà e cooperazione
  • Appartenenza
  • Autogestione

Per applicare tali principi è necessario:

  • mantenere all’interno di ogni sede di incontro un clima non giudicante. Ciò non significa rinunciare alle proprie opinioni e credenze, bensì rinunciare alla rigidità e all’unilateralità che spesso le accompagna, nella consapevolezza che ognuno è portatore di una parte fondamentale del tutto.
  • porsi in atteggiamento di ascolto partecipato (che necessita dell’attitudine non giudicante)
  • L’Accademia tende alla creazione di una “comunità di facilitatori AMA”, tramite la formazione permanente e l’operatività comune. Per “facilitatore AMA” si intende non solo colui che facilita un gruppo AMA, ma anche chi si dedica a promuovere e applicare l’Auto Mutuo Aiuto anche in contesti diversi dal gruppo AMA.
  • L’Accademia svolge ogni suo compito e iniziativa rispettando i principi dell’AMA suesposti, sia nella metodologia applicata, sia nel modo di organizzarli al suo interno, con lo scopo di formare facilitatori esperti e promuovere l’AMA in tutte le sue applicazioni.

Obiettivi

  • Formare facilitatori, formatori e supervisori A.M.A. riconoscendone la competenza specifica attraverso l’iscrizione agli Albi
  • Dare continuità alla ricerca, lo studio e il confronto sulla metodologia, considerandola in continua evoluzione e trasformazione
  • Promuovere la ricerca delle applicazioni della metodologia AMA anche in contesti differenti da quelli usuali
  • Diffondere l’A.M.A. in ambiti diversificati tramite momenti di incontro, di scambio, di informazione

IL FACILITATORE AMA SECONDO L’ACCADEMIA

L’Accademia AMA offre formazione ai facilitatori dell’Auto Mutuo Aiuto, con lo scopo di promuovere l’AMA e di dare gli strumenti necessari a una facilitazione partecipata ma non direttiva, ove il facilitatore non sia un conduttore bensì un membro alla pari che si assume una maggiore responsabilità. Egli sostiene il gruppo nel suo percorso per diventare un gruppo di Auto Mutuo Aiuto, dove lo scambio di esperienze, di competenze e di informazioni – nell’ascolto, nel rispetto e nella condivisione autentica – possa essere risorsa per ciascuno e per tutti. Si tratta di una figura, membro del gruppo, che si fa garante delle condizioni necessarie allo sviluppo dell’A.M.A.: rispetto e non giudizio, segretezza, comunicazione autentica, condivisione dell’esperienza e delle risorse, clima accogliente, sviluppo della solidarietà, partecipazione attiva alla vita del gruppo data dal senso di appartenenza. Il facilitatore armonizza le dinamiche tra i singoli, non conduce in maniera direttiva, può suggerire strategie per arrivare alle soluzioni, ma non le dà mai per scontate. Aiuta nei momenti critici.

L’Accademia offre intervisione e supervisione ai facilitatori  dell’AMA, da parte di facilitatori esperti,FED (Facilitatori Esperti Docenti) e  FES (Facilitatori Esperti Supervisori) e work shop di approfondimento su tematiche specifiche.

Questo percorso a vari livelli di approfondimento consta di differenti passaggi, ai quali corrisponde un Registro e un Albo contenente i nominativi di coloro che hanno completato le relative tappe del percorso. Tali elenchi hanno lo scopo di rendere disponibile e mantenere attivo un gruppo di esperti in grado di garantire l’applicazione della metodologia AMA perseguita dall’Accademia.

Gli elenchi sono consultabili pubblicamente e offrono, a chi è interessato, la possibilità di ricorrere a facilitatori, docenti e supervisori AMA accreditati dall’Accademia.

Registri e Albi sono gestiti da una commissione apposita formata dai facilitatori di più ampia esperienza, nominata all’interno dei responsabili dell’Accademia AMA, e possono essere organizzati e regolamentatati in modo diverso di anno in anno secondo le esigenze di volta in volta riscontrate.

Nell’ambito dell’offerta formativa sono anche previsti percorsi per Promotori dell’Ama mirati a fornire le conoscenze sulla metodologia A.M.A. al fine di:

  • poterla promuovere e diffondere nei vari ambiti di lavoro professionale e/o di volontariato.
  • poter operare con efficacia nell’attivazione di gruppi di Auto Mutuo Aiuto, reti di mutuo aiuto e di inclusione sociale.
  • apprendere la capacità di ideare e realizzare un progetto per attivare nuovi gruppi AMA nei propri ambiti di vita e di lavoro.
  • illustrare prassi di applicazione del Modello AMA nelle politiche di welfare e nella pratica di servizi che operano nella relazione d’aiuto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: